È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

Tutti i principali indicatori di Wall street hanno chiuso il 2019 con guadagni compresi tra il 22 e il 35%: secondo il New York Times, bisogna tornare indietro addirittura fino al 1997 per trovare risultati simili. Nel dettaglio, il Dow Jones Industrials è salito di oltre il 22% a oltre 28.000 punti, l’S&P 500 del 29% e il Nasdaq del 35%. L’annata da record […]

Leggi il seguito

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

Tutti i principali indicatori di Wall street hanno chiuso il 2019 con guadagni compresi tra il 22 e il 35%: secondo il New York Times, bisogna tornare indietro addirittura fino al 1997 per trovare risultati simili. Nel dettaglio, il Dow Jones Industrials è salito di oltre il 22% a oltre 28.000 punti, l’S&P 500 del 29% e il Nasdaq del 35%. L’annata da record […]

Leggi il seguito

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

Tutti i principali indicatori di Wall street hanno chiuso il 2019 con guadagni compresi tra il 22 e il 35%: secondo il New York Times, bisogna tornare indietro addirittura fino al 1997 per trovare risultati simili. Nel dettaglio, il Dow Jones Industrials è salito di oltre il 22% a oltre 28.000 punti, l’S&P 500 del 29% e il Nasdaq del 35%. L’annata da record […]

Leggi il seguito

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

È da più di 20 anni che la borsa di New York non faceva registrare performance così buone

Tutti i principali indicatori di Wall street hanno chiuso il 2019 con guadagni compresi tra il 22 e il 35%: secondo il New York Times, bisogna tornare indietro addirittura fino al 1997 per trovare risultati simili. Nel dettaglio, il Dow Jones Industrials è salito di oltre il 22% a oltre 28.000 punti, l’S&P 500 del 29% e il Nasdaq del 35%. L’annata da record […]

Leggi il seguito

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

È l’impennata del prezzo del petrolio la prima conseguenza dell’escalation militare tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, vicinissimo all’ayatollah Ali Khamenei.  Il Wti aumenta, infatti, di 1,70 dollari  e si porta a quota 62,82, mentre il Brent registra un incremento di 1,93 dollari a s’innalza a 68,18 dollari a barile. Da Baghdad il portavoce del ministero del Petrolio ostenta tranquillità. E in una nota conferma che la «situazione nei giacimenti petroliferi […]

Leggi il seguito

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

È l’impennata del prezzo del petrolio la prima conseguenza dell’escalation militare tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, vicinissimo all’ayatollah Ali Khamenei.  Il Wti aumenta, infatti, di 1,70 dollari  e si porta a quota 62,82, mentre il Brent registra un incremento di 1,93 dollari a s’innalza a 68,18 dollari a barile. Da Baghdad il portavoce del ministero del Petrolio ostenta tranquillità. E in una nota conferma che la «situazione nei giacimenti petroliferi […]

Leggi il seguito

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

È l’impennata del prezzo del petrolio la prima conseguenza dell’escalation militare tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, vicinissimo all’ayatollah Ali Khamenei.  Il Wti aumenta, infatti, di 1,70 dollari  e si porta a quota 62,82, mentre il Brent registra un incremento di 1,93 dollari a s’innalza a 68,18 dollari a barile. Da Baghdad il portavoce del ministero del Petrolio ostenta tranquillità. E in una nota conferma che la «situazione nei giacimenti petroliferi […]

Leggi il seguito

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

È l’impennata del prezzo del petrolio la prima conseguenza dell’escalation militare tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, vicinissimo all’ayatollah Ali Khamenei.  Il Wti aumenta, infatti, di 1,70 dollari  e si porta a quota 62,82, mentre il Brent registra un incremento di 1,93 dollari a s’innalza a 68,18 dollari a barile. Da Baghdad il portavoce del ministero del Petrolio ostenta tranquillità. E in una nota conferma che la «situazione nei giacimenti petroliferi […]

Leggi il seguito

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

I venti di guerra fanno impennare il prezzo del petrolio

È l’impennata del prezzo del petrolio la prima conseguenza dell’escalation militare tra Usa e Iran innescata dall’uccisione del generale Qassem Soleimani, vicinissimo all’ayatollah Ali Khamenei.  Il Wti aumenta, infatti, di 1,70 dollari  e si porta a quota 62,82, mentre il Brent registra un incremento di 1,93 dollari a s’innalza a 68,18 dollari a barile. Da Baghdad il portavoce del ministero del Petrolio ostenta tranquillità. E in una nota conferma che la «situazione nei giacimenti petroliferi […]

Leggi il seguito

Gli effetti delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti ricadono sulle operazioni di private equity della superpotenza asiatica

Gli effetti delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti ricadono sulle operazioni di private equity della superpotenza asiatica

Il futuro della Cina sembra essere nelle mani della tecnologia e dell’innovazione. Le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti fanno ancora rumore e le operazioni di private equity della superpotenza asiatica non restano immuni ai loro effetti. Secondo il report Greater China Private Equity & Venture Capital di Prequin, alla fine dello scorso anno gli asset under […]

Leggi il seguito